Logo salute24
13-09-2018

Report Onu: quasi 900 milioni di persone denutrite nel mondo



Quasi una persona al mondo su nove è denutrita. Lo evidenzia il rapporto: “Lo stato di sicurezza alimentare e nutrizione nel mondo”, presentato dalle agenzie dell’Onu Fao, Ifad, Pam Unicef e Oms, secondo cui nel 2017 la fame sarebbe tornata a crescere, fino a interessare 821 milioni di persone, un livello simile a quello registrato dieci anni fa.


Il rapporto sottolinea che nella lotta contro la denutrizione dei bambini sono stati compiuti notevoli progressi. Tuttavia, gli sforzi profusi non sono ancora sufficienti: circa 151 milioni di bimbi di età inferiore ai cinque anni (il 22%) sono affetti da arresto della crescita per denutrizione. Dall’indagine emerge che la fame è cresciuta in quasi tutte le sotto-regioni dell'Africa e in Sud America, mentre nella maggior parte delle regioni dell'Asia la situazione è rimasta stabile. Tra le cause principali di quest’aumento ci sarebbero la variabilità climatica, i conflitti e i rallentamenti economici.


In particolare, secondo il rapporto il maggiore responsabile sarebbe il cambiamento climatico, che in molte zone provoca il calo della produzione di cibo. Dato il costante innalzamento delle temperature, se non verranno adottati interventi specifici si prevede che in alcune regioni la situazione dovrebbe rapidamente peggiorare. Le agenzie dell’Onu sottolineano che per sconfiggere la fame occorre impegnarsi maggiormente a raggiungere  entro il 2030 l'obiettivo di sviluppo sostenibile della “fame zero”, che comprende l’adozione di misure concrete e costanti per migliorare la nutrizione e costruire la resilienza delle popolazioni ai cambiamenti climatici.

potrebbe interessarti anche: