Logo salute24
06-07-2018

Parodontite raddoppia rischio problemi erezione


Chi è affetto da parodontite ha il doppio delle probabilità di soffrire di disfunzione erettile. È quanto emerge da uno studio pubblicato sul Journal of Periodontology dai ricercatori spagnoli dell'Università di Granada, secondo cui l’associazione tra i due disturbi sarebbe dovuta all’azione di una molecola prodotta dal fegato, chiamata proteina C-reattiva (Crp, dall'inglese C-reactive Protein), che viene rilasciata in presenza di uno stato infiammatorio o di un’infezione.


Lo studio ha coinvolto 158 uomini di età compresa tra 23 e 69 anni, 80 dei quali soffrivano di disfunzione erettile. Gli autori hanno verificato la diffusione delle malattie gengivali tra i partecipanti, scoprendo che tra il problema sessuale e la parodontite esisterebbe un’associazione significativa. È, infatti, emerso che i soggetti affetti da parodontite cronica correvano un rischio 2,17 volte superiore di sperimentare problemi di erezione. Inoltre, il collegamento era valido anche nella direzione opposta: quasi tre quarti (il 74%) dei volontariaffetti da disfunzione sessuale soffrivano anche di problemi gengivali. Invece, soltanto il 58% degli uomini che non erano affetti da problemi di erezione presentavano disturbi orali. 


Gli scienziati ritengano che il legame tra parodontite e disfunzione erettile sia dovuto all’azione della proteina Crp: i livelli di questa molecola erano, infatti, più alti tra i partecipanti che presentavano uno o entrambi i disturbi, rispetto a quelli che non ne soffrivano. Elevate dosi di Crp sono anche associate a un maggior rischio di cardiopatie – secondo i ricercatori, la molecola potrebbe colpire prima i vasi sanguigni più piccoli, come quelli nel pene, per poi passare a quelli più grandi e provocare disturbi cardiovascolari. Alla luce di questi risultati, gli studiosi spagnoli consigliano di prestare la massima attenzione all’igiene orale, perché trascurarla potrebbe avere ripercussioni negative anche su altri organi.

potrebbe interessarti anche: