Logo salute24

Tumore al seno, lo screening mammografico si dimostra efficace

Lo screening mammografico del seno per la diagnosi precoce di tumore è davvero utile? Secondo uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine da un team internazionale di ricercatori guidati dall'Agenzia internazionale della ricerca sul cancro (Iarc) dell'Organizzazione mondiale della sanità la risposta è affermativa: la mammografia ripetuta a cadenza regolare allo scopo di intercettare precocemente l'eventuale sviluppo di un tumore al seno è una procedura realmente in grado di salvare vite umane. 

 

Negli ultimi anni il dibattito riguardo questo argomento si è fatto sempre più acceso. Se, da un parte, c'è chi all'interno della comunità scientifica sostiene che sì, lo screening mammografico per il tumore al seno è fondamentale per diagnosticare in anticipo la presenza di un tumore al seno, dall'altra c'è invece chi sostiene che questa pratica non fa altro che aumentare i cosiddetti casi di "sovradiagnosi" - ovvero tumori a crescita lenta o lentissima che non desterebbero alcun problema alle pazienti, ma che venendo diagnosticati finiscono col far sottoporre le pazienti a terapie a volte anche invasive, laddove non ce ne sarebbe bisogno.

 

La ricerca, condotta da 29 esperti di 16 diversi Paesi, si è basata sull'analisi dei dati raccolti da 40 studi condotti su questo argomento realizzati, a loro volta, su donne di età compresa tra i 50 e i 70 anni. Dai dati incrociati i ricercatori sono stati in grado di rilevare che nonostante i progressi tecnologici e i passi in avanti compiuti sia in campo diagnostico che terapeutico, lo screening mammografico è ancora in grado di salvare vite umane e che alcune problematiche connesse alla procedura - come le cosiddette "sovradiagnosi" - non sono sufficienti per affermare che lo screening mammografico non sia utile. Gli scienziati dell'Università di Oxford stanno ora effettuando studi pilota sull'utilità dello screening mammografico per donne con meno di 50 e più di 70 anni.

 

di m.c.
Pubblicato il 08/06/2018

potrebbe interessarti anche: