Logo salute24

Una «multivitamina» al giorno per allontanare il cancro

Le vitamine dalla A alla Z, come recita un famoso slogan pubblicitario, possono contribuire ad allontanare il cancro. Lo sostiene una ricerca pubblicata sul Journal of American Medical Association, secondo la quale assumere un complesso vitaminico ogni giorno può ridurre negli uomini il rischio di sviluppare tumori.  

 

LO STUDIO - I dati arrivano da uno studio dei ricercatori di Harvard e del Brigham and Women Hospital, negli Stati Uniti, che hanno confrontato lo stato di salute di 15.000 uomini con più di 50 anni monitorati per oltre un decennio: un gruppo ha assunto ogni giorno un multivitaminico specifico per il fabbisogno in età adulta, mentre l'altro un semplice placebo consistente in una compressa di zucchero. I risultati hanno premiato il primo gruppo: i ricercatori hanno, infatti, registrato una diminuzione , seppur modesta  (-8%), del rischio di cancro per il gruppo “fedele” al concentrato di vitamine (17 casi di tumore ogni 1.000 persone), contro i 18 casi di cancro ogni 1.000 persone tra coloro che hanno assunto il placebo. Anche la mortalità è stata inferiore, 403 casi tra i primi, 456 tra i secondi. Una conferma, secondo Howard Sesso, uno degli autori dello studio, che “l'assunzione di un multivitaminico ogni giorno, oltre ad affrontare carenze di vitamine e minerali, può essere considerata utile nella prevenzione del cancro negli uomini di mezza e terza età”. I dati a disposizione non permettono di dire se lo stesso beneficio riguardi anche le donne.  

 

I PRO E I CONTRO –  Non bisogna pensare che le vitamine rappresentino una pillola “magica”, spiega Michael Gaziano, cardiologo che ha diretto la ricerca, perché “se si prende un multivitaminico e si continua a fumare, si confondono le priorità”.  L'ultima parola sull'efficacia delle vitamine, infatti, non è ancora stata detta. Anche in questo studio i numeri sono troppo limitati e non è stata registrata alcuna influenza sul cancro alla prostata, il più diffuso e temuto dagli uomini, e su quello al colon retto.  Le ricerche sui benefici effettivi dei supplementi vitaminici – così si chiamano le pillole che il medico consiglia quando si hanno le “pile scariche” - sono da tempo al centro di studi e revisioni, che spesso si sono concentrati su un unico componente, vitamina C o D, acido folico o beta-carotene, ma raramente, come in questa ricerca, su un integratore completo.

 

VITAMINE ANTI-TUMORI - “Da tempo sappiamo che alcune vitamine sono importanti nella prevenzione, nella prognosi e nella terapia di alcuni tumori - spiega Umberto Tirelli, direttore del Dipartimento di Oncologia Medica dell’Istituto Nazionale Tumori di Aviano -, come nel caso di un derivato della Vitamina A, l'acido transretinoico, che si è dimostrato efficace in un tipo di leucemia, la leucemia promielocitica acuta, mentre alcune ricerche dimostrano il ruolo dell'acido retinoico nella prevenzione dei tumori alla mammella. Altri studi cinesi – aggiunge – confermano che una dieta ricca di Vitamina E riduce l'incidenza del cancro al fegato”.  

 

VINCE LA DIETA SANA - “La carenza di vitamine, in particolare di Vitamina D e E, ha a che fare - afferma Tirelli - con una maggiore incidenza di alcuni tumori alla pelle o al seno e chi ha avuto già un cancro potrebbe avvantaggiarsi dall'assunzione”, tuttavia, avverte l'oncologo, “bisogna ricordare che i tumori sono tanti, diversi sia per causa che per evoluzione”. E, infatti, se ricorrere a vitamine e minerali in stati di carenza e stress psicofisico aiuta sicuramente l'organismo, in alcuni casi “esagerare potrebbe provocare problemi”, ricorda lo specialista. Stile di vita sano, dieta equilibrata, un po' di attività fisica e niente tabacco restano gli alleati migliori per conservare un buono stato di salute e allontanare il rischio di cancro. "Dalle 5 porzioni di frutta e verdura quotidiane possiamo ricevere tutto l'indispensabile per star bene – dice Tirelli -, vitamine comprese”.

di Cosimo Colasanto
Pubblicato il 18/10/2012

potrebbe interessarti anche: