X

Ti potrebbe interessare anche

Alimentazione, sì all'aperitivo: può servire a mantenere la linea

  • Ico_email
  • print
  • Ico_ingrandisci_carattere
  • Ico_diminuisci_carattere
Yogurt-calcio-donna

Yogurt sì, sale no
Ecco la dieta anti-caldo

Parola d'ordine: alleggerire il metabolismo, ridurre le calorie. Obiettivo: contrastare l'afa. A tavola è meglio. Per questo il ministero della Salute ha varato un decalogo, "E...state Ok con la nutrizione", che aiuta a compilare un menu estivo contro le ondate di calore, particolarmente aggressive quest'anno. Eccolo:

1) Rispettare quotidianamente il numero e gli orari dei pasti, soprattutto la prima colazione, che deve essere privilegiata rispetto agli altri pasti;

2) Aumentare il consumo di frutta e verdura di stagione e yogurt (senza zuccheri aggiunti), ma non trascurare la frutta secca (mandorle, noci...) ricca di grassi 'buoni', minerali e fibre, senza ovviamente esagerare, perché ricca di calorie;

3) Preparare i piatti con fantasia, variando gli alimenti anche nei colori, dati dalle sostanze ad azione antiossidante (vitamine, polifenoli...);

4) Moderare il consumo di piatti elaborati e ricchi di grassi, meglio condire con olio d'oliva a crudo;

5) Privilegiare cibi freschi, facilmente digeribili e ricchi di acqua e completare il pasto con la frutta, regola da seguire quando si consuma "al sacco", non esagerando con gli spuntini salati o zuccherati;

6) Consumare un gelato o un frullato può essere un'alternativa al pasto di metà giornata;

7) Evitare pasti completi con primo, secondo e contorno quando, durante soggiorni in albergo o in viaggio, è più facile che si consumi al ristorante sia il pranzo che la cena. Optare quindi in una delle due occasioni per piatti unici bilanciati: alcuni degli abbinamenti possibili sono pasta con legumi e/o verdure, carne/pesce/uova con verdure.

8) Consumare poco sale e preferire sale iodato, ne bastano 5 grammi, e per gli ipertesi può essere utile consumare sale iposodico o asodico;

9) Rispettare le modalità di conservazione degli alimenti, mantenere la catena del freddo e ricordare che cibi conservati a lungo in frigorifero rischiano un peggioramento nutrizionale e una contaminazione da microrganismi;

10) Bere almeno 1 litro e mezzo di acqua al giorno, moderare il consumo di bevande con zuccheri aggiunti e limitare il consumo di bevande moderatamente alcoliche come vino e birra, evitare le bevande ad alto contenuto di alcol.

di reda. (06/07/2012)

Lascia un commento

Fai una domanda

I commenti sono editati da parte della redazione.