X

Ti potrebbe interessare anche

Dopo le vacanze low cost, il souvenir è antidoto da stress da rientro

  • Ico_email
  • print
  • Ico_ingrandisci_carattere
  • Ico_diminuisci_carattere
Bambino_violenza_web-400x300__paura_

Infanzia difficile?
Possibile spia
del respiro profondo

Respiro tanto più profondo quanto maggiori sono le esperienze negative vissute durante l'infanzia: è con questo meccanismo che gli uomini - ma anche gli animali - reagiscono alle difficoltà della vita. È quanto emerge da due studi condotti in parallelo dai ricercatori dell’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano e dell’Istituto scientifico universitario San Raffaele in collaborazione con l’Istituto di biologia cellulare e neurobiologia del Cnr di Roma, pubblicati rispettivamente sull'American Journal of Medical Genetics (per quanto riguarda la ricerca sugli esseri umani) e su Plos One (per quella sugli animali). Dai due studi emerge che in risposta alle avversità ambientali vengono reclutati sistemi genici che sono altrimenti quiescenti, o che vengono espressi in modo diverso, qualora le condizioni ambientali siano più facili o meno stressanti.


L'iperventilazione, spiegano i ricercatori, avviene in presenza d’aria lievemente arricchita di anidride carbonica: la sensibilità alla presenza del gas è tanto maggiore quanto più si sono sperimentati eventi avversi nell'infanzia. Questo tratto psicobiologico è molto importante da analizzare - spiegano - perché aiuta nella comprensione dei meccanismi fisiologici alla base dell’ansia da separazione in età pediatrica, che aumenta la probabilità di ammalarsi di attacchi di panico da adulti. L’età alla quale le avversità colpiscono è fondamentale: se l’esposizione avviene in età infantile, l’alterazione respiratoria si instaura e resta stabile almeno nella prima parte dell’età adulta.


Le nuove evidenze raccolte dai ricercatori mostrano come il meccanismo alla base di questa esagerazione della risposta respiratoria sia una vera e propria interazione che avviene tra il patrimonio genetico degli individui e l’esperienza ambientale avversa: il segnale genetico alla base della risposta respiratoria cresce cioè sproporzionatamente al crescere del grado di avversità ambientale.

di m.c. (14/04/2011)

Lascia un commento

Fai una domanda

I commenti sono editati da parte della redazione.