X

Ti potrebbe interessare anche

Lo stress fa ingrassare le donne

  • Ico_email
  • print
  • Ico_ingrandisci_carattere
  • Ico_diminuisci_carattere
Donna-lavoro-stress-copia

Gastriti e cefalea
le scuse più gettonate
per il permesso di lavoro

Lo stress costringe un lavoratore su cinque (19%) ad assentarsi dal lavoro, ma la stragrande maggioranza, il 93%, mente al capo per giustificare la richiesta di un permesso dal lavoro. Gastriti, problemi con la casa e imprevisti per l’assistenza a familiari sono le scuse più gettonate secondo un’indagine di Mind, un istituto di ricerca britannico in campo sanitario. Eppure, sempre secondo i dati, non tutti vorrebbero nascondere le reali cause dell’assenza, il 70% dei dipendenti è pronto a discutere con il datore di lavoro il disagio provocato dal super-lavoro, ma uno su tre vorrebbe che a fare la prima mossa fosse proprio il capo. Più della metà dei lavoratori (62%) pensa inoltre che la propria azienda non stia facendo abbastanza per ridurre lo stress sul posto di lavoro.
 “Il fatto che così tante persone si sentono costrette a mentire - dice Paul Farmer, direttore del centro di ricerca - dovrebbe essere una preoccupazione reale per le aziende”. Per dissimulare il disagio, si ricorre spesso a stati di malessere collegati: il 36% si rifugia nella gastrite. Seguono il raffreddore (13%), il mal di testa (12%), un appuntamento con il medico (6%) e il mal di schiena (5%).
Secondo i ricercatori inglesi stress “è una parola tabù” sul posto di lavoro, “ma far finta che il problema non ci sia peggiora solo le cose”, rincara Farmer. “Per le aziende è sempre più difficile crescere con una forza lavoro stressata - aggiunge -, prima che si aggravino è meglio discutere con il personale dei problemi”.

di c.c. (05/11/2010)

Lascia un commento

Fai una domanda

I commenti sono editati da parte della redazione.